Sulla pagina Facebook di Sgarbi si denuncia il centro storico di Grottaglie

"L'Italia è piena di obbrobri architettonici e sfregi al Paesaggio. Molti in corso d'opera. Aiutateci a denunciarli.
Inviate, per ogni segnalazione, n° 2 foto (ad alta risoluzione, con una breve didascalia e i vostri recapiti) all'indirizzo: [email protected]"

Questo il post scritto ieri sera dal noto critico d'arte Vittorio Sgarbi sulla sua pagina Facebook ufficiale. In allegato al post vi era una foto, una prima foto di esempio di sfregio al paesaggio, una prima foto di critica a scelte architettoniche discutibili. Migliaia le condivisioni e i commenti a questo manto di catrame steso sulle vecchie chianche di un centro storico. 

Un fiume di catrame che ai grottagliesi è ben noto, è infatti l'immagine di un vicolo del centro storico di Grottaglie quella condivisa da Sgarbi, è ben evidente infatti Via Madonna del Lume ed è ben riconoscibile il centro storico grottagliese, anche se ricoperto da un manto nero, forse ancor più riconoscibile proprio per questa scelta da parte dell'amministrazione comunale che, come sappiamo, non si è fermata a quella via, scelta che ha fatto storcere giustamente il naso a molti cittadini grottagliesi e non solo. 

Certo, non c'era bisogno che lo dicesse Vittorio Sgarbi che l'Italia è piena di questo tipo di attacchi all'arte, alla storia e al paesaggio, ma è un'iniziativa giusta e volta a sensibilizzare contro un certo tipo di scelte architettoniche che non fanno altro che danneggiare un pezzo di storia di una città. La prima è stata proprio Grottaglie, che intorno ad Aprile-Maggio si indignò per aver ritrovato le tradizionali vie del centro storico coperte da un manto nero e che ora lo ritrova famoso su Facebook per un motivo di certo non positivo.

Gabriele Palumbo

"Non sono quasi mai serio, e sono sempre troppo serio. Troppo profondo, troppo superficiale. Troppo sensibile, troppo freddo di cuore. Io sono come un insieme di paradossi." — Ferdinand de Saussure

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up