Una nuova coscienza ecologica

Proseguono con successo le "Giornate Ecologiche" , iniziativa promossa dall' ATC (Ambito territoriale di Caccia) della Provincia di Taranto, che domenica 26 aprile hanno ripulito le contrade "Monticello" e "Galeasi" dai rifiuti abbandonati.

I volontari dell'ATC, coordinati dal Presidente provinciale Nicola Cavallo e da quello di Grottaglie, Vito Zizzi, hanno compiuto un intervento di rilevante importanza per il territorio e per l'intera collettività, raccogliendo rifiuti di ogni genere abbandonati da persone che non hanno a cuore ne il loro territorio e tanto meno la salute dei propri simili. Oggetti che con un pizzico di pazienza e disponibilità in più si sarebbero potuti conferire all'Isola Ecologica trasformandoli in rifiuti differenziati e quindi riutilizzabili separandone le loro materie prime. Risorsa e non rifiuto, conferimento e non abbandono, sensibilità ecologica e non incuria e disprezzo.
Il successo dell'iniziativa, come confermato dal Sindaco di Grottaglie, Avv. Ciro Alabrese, e dall'Assessore all'Ambiente, Geom. Maurizio Stefani, è stato enorme ed il risultato raggiunto fa ben sperare per il futuro. Il Comune di Grottaglie ha supportato con mezzi di raccolta l'evento, potenziandone il numero visto la mole di rifiuti raccolti nella giornata di domenica.
Ancora una volta si è assistito al connubio tra istituzioni e cittadini, mezzi ed operatori da un lato e volontari dall'altro uniti per restituire a quei luoghi il giusto rispetto e decoro che meritano, promuovendo ed incrementando una nuova coscienza ecologica. L'associazionismo ed il volontariato, in un momento dove le risorse economiche sono sempre più limitate, possono essere uno strumento vincente di straordinaria rilevanza. Grottaglie non può che ringraziare l'ATC ed i suoi volontari che hanno inserito, all'interno dell'iniziativa "Giornate Ecologiche" la nostra cittadina. Il programma dei volontari dell'ATC prosegue, il 10 maggio a Martina Franca, il 13 a Crispiano, il 17 a Laterza/Castellaneta/Taranto ed il 24 a Castellaneta.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up