Informazione e prevenzione: la salute a scuola

C'è un legame che unisce la genetica, l'ipertensione arteriosa e gli stili di vita. Per studiare tale legame nasce il progetto "Stili di Vita ed Ipertensione Arteriosa a Scuola".


Ideato dal dottor Roberto Bigazzi - direttore del Dipartimento di medicina clinica dell'Azienda USL 6 di Livorno - e dal dottor Stefano Bianchi - responsabile dell'Area di Medicina con indirizzo specialistico cardio-nefro-diabetologico della stessa azienda sanitaria - il progetto è stato scelto dal Ministero della Salute, come progetto pilota per la salvaguardia delle malattie cardiovascolari e renali.
Tre le città interessate: Livorno, Milano e Grottaglie. Nella città pugliese, il progetto affiancherà "Il cuore a...scuola", nato dalla collaborazione di Medici per San Ciro con il Rotary Club di Grottaglie, l'associazione culturale Koinè, l'Amministrazione comunale di Grottaglie e patrocinata dalla BCC di San Marzano di San Giuseppe. Avviato nelle prime classi delle tre scuole medie superiori cittadine, "Il cuore a...scuola" vede coinvolti 433 ragazzi ed i loro rispettivi genitori, mettendo in correlazione i dati emersi dal questionario loro somministrato.
«Il nostro compito – ha detto il dottor Bigazzi durante la conferenza di presentazione del progetto – sarà quello di mettere in fila le informazioni che emergeranno dallo studio che andremo ad effettuare, per metterle a disposizione di chi dovrà aiutare coloro che risulteranno predisposti all'ipertensione e giovarli delle indicazioni che daremo».
«La precocità nella diagnosi – ha infatti specificato il dottor Bianchi – è fondamentale soprattutto per prevenire il danno d'organo. I nostri interventi serviranno ad identificare eventuali predisposizioni genetiche e a lavorare sulla prevenzione».
Questo progetto di studio selezionato e finanziato per la durata di tre anni dal Ministero della Salute all'interno del "Progetto di Ricerca Finalizzato 2012", per la prima volta esplorerà l'analisi genetica al fine di determinare l'impatto dei specifici profili genetici nella transizione da normotensione a ipertensione tra giovani studenti di scuola superiore. Contemporaneamente, prevede uno studio osservazionale prospettico, mirato alla valutazione dello stato di conoscenza e quindi di informazione che hanno i soggetti (figli e genitori) sui fattori di rischio cardiovascolare e di sviluppo di ipertensione arteriosa, al fine di correggerli attraverso un intervento di educazione sanitaria, andando a valutare la qualità e lo stile di vita.

Gabriele Palumbo

"Non sono quasi mai serio, e sono sempre troppo serio. Troppo profondo, troppo superficiale. Troppo sensibile, troppo freddo di cuore. Io sono come un insieme di paradossi." — Ferdinand de Saussure

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up