L'Europa aiuta i piccoli comuni In evidenza

Le elezioni europee sono alle porte e le correnti di pensiero si alternano tra euroscettici e non, apportando tesi contrastanti sull'utilità della nostra permanenza nella Comunità Europea. Senza entrare nel merito della questione i 500milioni di euro destinati ai piccoli comuni per lo sviluppo di itinerari turistico-culturali faranno piacere ad entrambi le fazioni.

La legge che porterà questi finanziamenti all'interno delle casse dei comuni che ne faranno richiesta è la conclusione di un percorso iniziato in sede di Parlamento Europeo dall'europarlamentare Silvia Costa (PD) insieme al presidente della associazione europea dei comuni delle vie Francigene Massimo Tedeschi.

I Comuni che possono accedere a tali fondi devono avere una popolazione compresa tra i 5mila e i 150mila abitanti e potranno ottenere da 1 a 5 milioni di euro per progetto finanziato.

"È stata una bella scommessa – afferma Costaa settembre andammo dall'allora Governo Letta insieme al presidente dell'associazione dei Comuni delle vie Francigene, Massimo Tedeschi, a perorare la causa – nell'ambito anche dell'Expo 2015 – di incrementare il turismo culturale. Avendo a disposizione, grazie alla legge apposita, una cifra considerevole era previsto che in questa ci fosse uno stanziamento specifico per i Comuni, in questo caso quelli che vanno dai 5mila ai 150mila abitanti, per valorizzarne il turismo culturale, i beni culturali e le opportunita' sul territorio".
"Una valorizzazione e un'opportunità- prosegue l'europarlamentare – anche per gli itinerari culturali – la via Francigena è uno di questi ma ce ne sono anche altri – e per quei Comuni che in questo momento sono in una grande difficolta' finanziaria e che si trovano nella morsa del patto di stabilità e non possono fare investinenti, di avere invece dell'ossigeno per poter valorizzare questi percorsi".

L'On. Costa aveva infatti lavorato su tale materia come componente della Commissione Cultura e in tale veste ha seguito la promozione degli itinerari e del turismo culturale nell'ambito del periodo di programmazione 2014-2020. Un impegno proseguito anche come relatore del programma "Europa Creativa" che stanzia nello stesso periodo 1.462 miliardi per l'industria culturale creativa e dell'audiovisivo.

"Con l'incontro di oggi – ha aggiunto Costa – ho voluto insieme al presidente Piero Fassino creare una prima occasione di incontro informale con gli amministratori comunali che saranno chiamati ad una serio impegno in fase attuativa". "Da tale incontro – ha dichiarato Silvia Costa – sono già emerse le richieste dei comuni al governo. In primo luogo affinché l'emanazione del decreto attuativo avvenga al più presto. Ed anche che il medesimo decreto stabilisca un termine congruo per la presentazione dei progetto da parte delle amministrazioni comunali".

Un'altra occasione per il nostro comune, servita dall'Europa su un piatto d'argento; coglieremo quest'opportunità?

Vincenzo Quaranta

Editore del portale di informazione online Grottaglie24.it

Umiltà, quella bassa, dolce radice, dalla quale tutte le virtù celestiali hanno origine.

Tommaso Moro

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up