FIOM interviene su lavoratori IMA

Il grave incidente avvenuto giovedì scorso all'area Ima dell'Ilva, con il crollo del DM7 al quarto sporgente, reclama risposte sulle cause che l'hanno determinato.

Rsu e Rls della Fiom Cgil sono stati impegnati sino a notte fonda dell'11 nell'accertamento dei fatti e nel corso dell'assemblea di stamane 15 dicembre, l'unica ad essersi svolta davvero, ha fatto proprie le sacrosante richieste dei lavoratori di poter lavorare in assoluta sicurezza.

Il ricordo della morte di Francesco Zaccaria e l'alto rischio che Bufano e Pignatelli hanno corso nel crollo della gru, solo per parlare dell'area marittima, sono scolpiti nella pelle di tutti e non possono essere rimossi.

Il diritto alla vita viene prima delle esigenze della produzione. I due fattori si possono coniugare solo se l'azienda fornisce risposte e misure tangibili a svolgere tutte le pratiche operative garantendo il massimo di sicurezza..

Il frastuono mediatico che nel fine settimana si è cercato di costruire, in totale malafede, a danno della Fiom per un presunto quanto inesistente defilarsi da una situazione così importante, si è infranto nel civile confronto di questa mattina nel corso dell'assemblea. Non si specula sulla salute delle persone, chi lo fa agisce da sciacallo alla ricerca di visibilità e facili consensi.

Rispetto all'incontro che si svolgerà nel pomeriggio, la Fiom valuterà le risposte dell'azienda e porterà sul tavolo le richieste dei lavoratori Ima, riservandosi ogni azione nelle sedi preposte.

A valle dell'incontro si tornerà dai Lavoratori Ima per valutare con loro le eventuali forme di protesta da continuare o se invece l'azienda avrà determinato le condizioni della normale ripresa dell'attività lavorativa.

Carmelo Antonazzo

Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario.

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up