BCC San Marzano e Intercultura per favorire l'esperienza internazionale dei giovani

Contribuire alla creazione di opportunità e apertura di nuovi orizzonti ai giovani del territorio. Con questo obiettivo la BCC San Marzano di San Giuseppe ha stretto un accordo con Intercultura Onlus, associazione che dal 1955 opera in Italia proponendo programmi di scambi internazionali che annualmente coinvolgono migliaia di giovani, famiglie e volontari in oltre 60 Paesi del mondo, attraverso una capillare struttura nazionale che si sviluppa in 149 centri locali.

Nel novero del Progetto 2015, la BCC San Marzano di San Giuseppe sosterrà l'iniziativa contribuendo a creare il monte complessivo delle borse di studio del nuovo anno scolastico che prevedono soggiorni dal bimestre all'annualità intera, compresi i campi estivi, con la possibilità di poter ricevere borse di studio a copertura totale o parziale dei costi di permanenza all'estero. Un'esperienza altamente formativa che annovera, fra i partecipanti del passato personalità come l'astronauta italiano Luca Parmitano, la giornalista Maria Concetta Mattei, il manager Franco Bernabè, solo per citarne alcuni.


«Essere vicini ai giovani – dice il Presidente della BCC San Marzano di San Giuseppe, Francesco Cavallo – vuol dire sostenere le famiglie in questa grande scommessa che è la formazione. Abbiamo stretto l'intesa con Intercultura per lo spessore internazionale e le buone esperienze che l'iniziativa fa acquisire ai nostri giovani i quali, prima di diventare professionisti sono chiamati a diventare donne e uomini consapevoli del loro ruolo nella società».


«Il presente – rimarca il Direttore Generale della BCC San Marzano di San Giuseppe, Emanuele di Palma - non può prescindere da una visione sempre più globale. Da sempre cerchiamo di sostenere i nostri giovani a ritagliarsi un ruolo attivo, ad assumere un ruolo di protagonisti. Con il Progetto Intercultura, forniamo un ulteriore tassello di crescita in modo che le nostre intelligenze si sentano valorizzate e pronte ad investire innanzi tutto su loro stesse. Banca, famiglie e Intercultura possono dare gli strumenti e le opportunità, ma occorre crederci in prima persona».


Per Emanuela Di Chiara Stanca, Responsabile Puglia e Basilicata per lo sviluppo del volontariato di Intercultura: «L'Associazione Intercultura è presente e attiva a Taranto da decenni e le attività del volontariato locale consentono, ogni anno, a diversi giovani del territorio di vivere e studiare all' estero. La scuola italiana, tuttora, non prepara particolarmente i giovani a vivere in un mondo globalizzato e spesso i nostri ragazzi terminano gli studi con una visione provinciale ed una scarsa conoscenza del mondo e delle lingue. E' perciò importante attivarsi per preparare i futuri diplomati e laureati al rapporto internazionale, completando la loro formazione. Questo fa Intercultura, con l'aiuto di molti sostenitori pubblici e privati. Grazie al contributo della BCC San Marzano di San Giuseppe un giovane meritevole della provincia di Taranto avrà maggiori possibilità di trascorrere un periodo di studio all'estero e di aprirsi al mondo».


La BCC San Marzano di San Giuseppe ha chiesto che il destinatario del contributo erogato sia un giovane meritevole appartenente geograficamente al Centro Locale di Taranto e rientrante nella fascia di reddito più bassa. I candidati dovranno avere un buon curriculum scolastico negli ultimi due anni e dimostrare buona motivazione nello studio. Nella selezione si terrà conto dell'idoneità dei candidati a partecipare ad un programma interculturale in una famiglia, scuola o comunità sociale di altro Paese. Anche per questo, durante la fase di selezione saranno programmati incontri multilivello e con la partecipazione dei genitori.


Nelle prossime settimane, BCC San Marzano di San Giuseppe e Intercultura svolgeranno una serie di incontri nelle scuole del territorio al fine di promuovere l'iniziativa e informare in maniera diretta gli studenti.

Tutti i dettagli per la candidatura sono sul sito www.intercultura.it.

Ultima modifica ilGiovedì, 16 Ottobre 2014 10:09
Carmelo Antonazzo

Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario.

Email: [email protected]

Devi effettuare il login per inviare commenti

Log In or Sign Up